dePILiamoci a Valenzano (Ba). 11 dicembre 2007

Conversazione con Roberto Lorusso e Nello De Padova, autori del libro DePILiamoci – Liberarsi del PIL superfluo e vivere felici sul tema Famiglia, scuola, educazione


Nella Sala Consiliare del Comune di Valenzano, alla presenza del Sindaco Nicola Tangorra, martedì 11 dicembre 2007, Roberto Lorusso e Nello De Padova, hanno discusso sul tema “Famiglia, scuola, educazione”.

Con questo incontro si avviano le Riflessioni in Comune che gli autori proporranno nelle sedi istituzionali dei Comuni pugliesi sulle molteplici tematiche affrontate nel libro.

“Mediante l’opera educativa dei genitori, la famiglia forma l’uomo alla pienezza della sua dignità secondo tutte le sue dimensioni, compresa quella sociale – dicono gli autori -. La qualità dei lavoratori del futuro (quelli dell’era virtuale) è assicurata purché, in età scolare – con le parole e la testimonianza dei genitori – siano stati educati al dialogo, all’incontro, alla socialità, alla legalità, al sacrificio, allo studio, a svolgere i servizi di casa, alla solidarietà. Tutto questo fa crescere il BIL”.
“Il compito di educare i propri figli, specie in una civiltà in cui tutti (scuola, televisione, libri, internet, ecc.) – si legge nel libro – tramite continue esemplificazioni danno modelli da seguire (tutti impregnati della cultura individualista dominante) non condivisibili, è un compito ampio che richiede tempo, preparazione ed una responsabilità non delegabile a nessuno. I genitori che interpretano dignitosamente tale ruolo rendono un servizio all’intera società.”

Nel corso dell’incontro è stato possibile confrontarsi con gli autori su come riuscire a superare il circolo vizioso del PIL (Prodotto Interno Lordo) per attivare il circolo virtuoso del BIL (Benessere Interno Lordo). In DePILiamoci viene illustrato, infatti, come con gesti di vita quotidiana, senza grandi sforzi e sacrifici o particolari rinunce, ma con un po’ di buona volontà e voglia di impegnarsi per garantire alle generazioni future il soddisfacimento dei propri bisogni, sia possibile abbandonare uno stile di vita dominato dal consumo ad ogni costo (economia basata sulla crescita del PIL) e puntare al consumo consapevole delle risorse umane, naturali e del tempo. Uno stile di vita orientato alla sobrietà che farà decrescere il PIL e aumentare il benessere, cioè il BIL.

Guarda il video dell’incontro: