Gestire processi: quanto le tecnologie sostengono le relazioni


Venerdì 9 novembre 2007, presso il metaresort Terranobile di Bari, si è tenuto il primo dei tre incontri organizzati dalla AltaCom NetGroup per imprenditori e manager interessati a confrontarsi sulla possibilità di conciliare le strategie di mercato con i valori etici della responsabilità sociale dell’impresa.
 
 

Il primo incontro, organizzato in collaborazione con Net Sistemi di Bari, Azienda leader nelle soluzioni di Business Process Management basate sull’ormai nota piattaforma OpenWork, vede riuniti sul parterre di Terranobile, splendido Metaresort alle porte della città, manager di TNT Global Express e Natuzzi.

 

 

                      

 Nell’incontro Roberto Lorusso ha dato la possibilità ai partecipanti di riflettere sulla tematica della gestione dei processi e dell’importanza delle tecnologie a sostegno delle relazioni, grazie anche al racconto delle esperienze di manager di TNT Traco, Natuzzi, e Net Sistemi.
Dal dibattito, vivace e articolato, è emerso che per gestire i processi al cui centro ci sono le persone un’azienda ha bisogno del supporto di strumenti informatici. I quali, nel rispetto della flessibilità e della creatività che caratterizzano il lavoro dell’uomo, devono facilitare l’organizzazione del lavoro e dei rapporti di un team, migliorandone la resa, l’individuazione ed il raggiungimento di obiettivi condivisi.

 

Lo strumento informatico per la gestione dei processi è anche il mezzo migliore per mapparli, così da condividere le informazioni, e quindi le idee, e rispettare il criterio della trasparenza degli atti, cosa utilissima anche per ridurre il rischio di reato.
E’ evidente che tale strumento informatico può essere considerato un prodotto etico, che però viene “snobbato” da quegli imprenditori o manager poco avveduti, convinti che condividere informazioni sia dannoso per la loro leadership e che si debba investire in tecnologie finalizzate solo ad ottimizzare i processi principali o di produzione/business e non anche i processi di supporto. Convinzione quanto mai sbagliata se solo si considera che una migliore organizzazione del lavoro incide positivamente sul prodotto finale (sia che si tratti di un servizio erogato che di un oggetto da commercializzare) e sulla riduzione dei costi, a tutto vantaggio dei profitti. L’esperienza Natuzzi e TNT Traco è legata al prodotto Openwork.

 

Grazie alla sua flessibilità, Openwork è risultato uno strumento capace di ottimizzare i processi sia visibili che invisibili che riescono a valorizzare il capitale umano. Perché sono questi processi invisibili che migliorano le condizioni di lavoro e permettono alle persone di lavorare in modo sicuro e qualitativamente positivo, così da sentirsi produttivi e riconosciuti nelle loro capacità.

Qui di seguito riportiamo alcune dichiarazioni di Roberto Lorusso.
“Un imprenditore che agisce in maniera socialmente responsabile deve essere capace di generare profitti e bene sociale. Questo si può fare utilizzando tecnologie che migliorando i processi migliorano le condizioni di lavoro.
Le tecnologie possono aiutarci a ridurre i tempi di lavoro, possibilità che un imprenditore avveduto utilizzerà non per incrementare la produzione ma per dare ai suoi dipendenti più tempo libero da dedicare agli altri, alla famiglia; tutte cose che aiutano l’uomo a migliorarsi”.

                   

 “I padroni (imprenditori con forte personalità) che non vogliono condividere il loro sapere con gli altri solitamente non innovano. Hanno timore ad introdurre processi informatizzati che portano alla condivisione di informazioni e di idee.
Non innovando e non condividendo, l’imprenditore destina la sua azienda al fallimento nel momento in cui verrà meno la sua figura. Non è certo questo il modo in cui si comporta un imprenditore socialmente responsabile, che con tale atteggiamento non fa altro che sprecare i profitti e tutto quanto ha creato”

“Smantelliamo una cultura imprenditoriale costruita solo sulle analisi a posteriori di costi/ricavi. Iniziamo a inculcare la mentalità dell’analisi dei costi per processi (ABC), che ci consente di conoscere, prima dell’avvio del business, quanto costano.
Se organizziamo e gestiamo, anche contabilmente, una azienda per processi, potremo sempre sapere tutto prima “che accada”.