Evento Anci Di.Mo.Stra 28 settembre a Bari, Modello di Pianificazione Strategica


Venerdì 28 settembre 2007 viene presentato Di.Mo.Stra., progetto di ricerca voluto dall’Anci in collaborazione con il Comune di Bari, che propone un modello pronto che consente agli enti locali di pianificare il futuro della città avendo come scopo prioritario il Bene Comune.“

 

Per piano strategico – dice Roberto Lorusso, responsabile del progetto – si deve intendere il percorso che una comunità intraprende per trasformare la propria città e il proprio territorio nei migliori in cui vivere”.
Il modello Di.Mo.Stra. istruisce i Comuni proprio sulle modalità attraverso cui definire una visione comune di città, fondata su valori e principi condivisi, tra cui quello di garantire alle generazioni future la soddisfazione dei propri bisogni.

 

Visionato da comunità internazionali impegnate da tempo in pianificazione strategica verso la sostenibilità, Di.Mo.Stra. ha già avuto positivi apprezzamenti da Whistler in Canada e della Sveriges Ekokommuner, Associazione Nazionale delle Eco-Municipalità Svedesi che raggruppa ben 68 comuni.

 

I saluti di Ken Melamed, Sindaco di Whistler* (Canada)

*Whistler è la principale destinazione turistica montana del Nord America. Si tratta della prima cittadina che ha elaborato un Piano Strategico, non per un grande evento, bensì per rendere sostenibile la fruizione del territorio nel lungo periodo e preservare le risorse del patrimonio locale.

Pianificare per garantire il Bene Comune

È stato presentat

o per la prima volta a Bari lo scorso 28 settembre ai Comuni italiani Di.Mo.Stra., progetto di ricerca applicato finanziato dall’Anci, che offre un modello pronto per la pianificazione strategica, facilment

e adattabile ad ogni realtà ed esigenza locale. Un percorso di apprendimento verso una pianificazione strategica di successo.

“E’ l’apprendimento – ha detto il responsabile del progetto, Roberto Lorusso – che genera il cambiamento in quanto offre la possibilità di capire come essere migliori”. Nel caso di Di.Mo.Stra. le comunità coinvolte in una pianificazione strategica devono capire cosa può rendere migliore la propria città e le proprie condizioni di vita, cioè devono avere ben chiara una visione comune del futuro e poi devono apprendere quali siano gli strumenti più idonei a realizzarla. È infatti l’approccio di backcasting (visione a ritroso) che caratterizza Di.Mo.Stra. insieme all’approccio sistemico, che guarda alla città ed al territorio come un insieme complesso, in cui tutti gli attori della comunità realizzano soluzioni mai immaginate prima e realmente efficaci per il presente e per il futuro. “Dobbiamo pensare alle generazioni future – suggerisce Lorusso –, perciò dobbiamo fornire ad un sistema sociale, economico e territoriale gli strumenti per avviare un percorso di cambiamento che continui indefinitamente nel tempo, nel rispetto degli equilibri ecologici e della possibilità di soddisfare i bisogni delle generazioni che verranno”. Un percorso verso la sostenibilità che garantisca il Bene Comune.

Di.Mo.Stra. è un modello che si basa su strategie di lungo periodo, non garantirà quindi il consenso immediato che le Amministrazioni italiane maggiormente apprezzano. Darà loro, però, quegli strumenti utili affinché la pianificazione possa portare a risultati visibili, unica via per creare vero consenso intorno a chi governa.

La presentazione del modello è stata anche l’occasione per un confronto con altre esperienze italiane e straniere.

Interessanti le testimonianze del vicesindaco di Mercato San Severino (Sa), che ha illustrato l’attività di pianificazione partecipata della raccolta differenziata che ha permesso di affrontare l’emergenza rifiuti che ha colpito il resto della Campania, e quella del direttore generale del Comune di Cagliari, che ha descritto il loro percorso verso la pianificazione di area vasta contraddistinto dalla creazione di un forum dei sindaci. I sindaci di Palagianello (Ta) e Vico del Gargano (Fg) hanno apprezzato del modello Di.Mo.Stra. la capacità di creare un network tra attori presenti sul territorio: come piccoli Comuni è infatti molto sentita la necessità di poter fare rete con quelli limitrofi per avviare politiche di cambiamento e miglioramento del territorio. Interessato a Di.Mo.Stra. anche il Comune di Napoli, che ha da poco avviato il percorso verso la pianificazione strategica attivando canali di coinvolgimento diretto dei cittadini.

Importantissimi i contributi video del sindaco di Whistler (Canada) e dell’assessore al Bilancio di Morbegno (So), che hanno offerto una riflessione sulla propria esemplare esperienza di pianificazione strategica condotta con gli strumenti della partecipazione e con gli obiettivi di sostenibilità nel tempo, condivisi dal progetto Di.Mo.Stra.; e i contributi scritti della Sveriges EcoKommuner (Associazione Nazionale delle Eco-Muncipalità Svedesi), del Distretto di Nord Vancouver (Canada) e dei Comuni di Madison (Wisconsin-USA), Curitiba (Brasile), Reggio Emilia e Ferrara. Quest’ultimo oltre a fornire al team Di.Mo.Stra. il proprio piano strategico, per un futuro confronto, ha suggerito di inserire un nuovo elemento nella Metafora: un fiore o un frutto, cioè il risultato finale che “sboccia” dal piano strategico-albero.

Hanno evidenziato come Di.Mo.Stra. può facilmente essere inserito in un contesto internazionale di politiche per lo sviluppo sostenibile gli interventi di Cristina Garzillo, rappresentante del segretariato europeo della Iclei-Local governments for sustainability, e di Eric Ezechieli, presidente della The Natural Step Italia. Mentre il sindaco di Bari, Michele Emiliano, ha offerto la sua esperienza su come i Comuni dell’area barese coinvolti dal Piano strategico dell’area metropolitana siano stati capaci di mettere da parte i localismi per fare spazio alla programmazione partecipata e condivisa.

Tra i molti materiali illustrati ai presenti dal responsabile di progetto Roberto Lorusso, anche un dvd contenente un filmato con dichiarazioni di Stefania Dota, vicesegretario generale Anci, e Antonio Nasuti, direttore generale del Comune di Bari, che hanno attestato la loro stima nei confronti di un progetto che si propone di coinvolgere quanti più attori presenti sul territorio e che offre ai Comuni strumenti e modalità operative per condurre a buon fine la pianificazione strategica.

 

Il modello Di.Mo.Stra.

Guarda il video della presentazione