La ricerca del personale? Nell’era del web 2.0, si fa su Facebook, Twitter e Linkedin

"Cerchi un lavoro? Hai già visto su Facebook?" Tra non molto questo potrebbe essere il consiglio di un amico per trovare impiego. Infatti, secondo un sondaggio di Infojobs.it, portale di incontro tra domanda e offerta di lavoro, sempre più in Italia prende piede la tendenza delle aziende ad utilizzare i Social Network per fare il recruiting.

Già da un po’ di tempo, abbiamo visto come, in generale, sia ormai indispensabile veicolare il proprio brand attraverso questi strumenti. Infatti, il 48% delle imprese intervistate possiede un profilo aziendale su Facebook, il 28% su Linkedin e il 24% su Twitter.

Per quanto riguarda il recruiting, Facebook e Twitter sono gli strumenti di ricerca preferiti, scelti dal 30% delle aziende campione. Significativa la percentuale di Linkedin (25%), social network dedicato al mondo del lavoro e quindi ideale per tali scopi.

Insomma, se prima gli imprenditori vedevano questi strumenti come giocattoli da lasciare nelle mani degli adolescenti, ora iniziano a capirne le potenzialità e dirigono i loro processi aziendali verso il web 2.0. Recruiting compreso.