Convegno Annuale Learning Cities Bari 24.01.09

 alt

24 gen 2009 Convegno della associazione Learning Cities Italia. Testimonianze di progetti di governo per il Bene Comune.
Clicca qui per leggere il contenuto di tutti gli interventi.

Guarda il video

Intervento del presidente Roberto Lorusso.
Le Amministrazioni Locali: un futuro senza "limiti" 
"Nel regno degli esseri viventi
non esistono cose, ma solo relazioni" (Gregory Bateson)

L’uomo è un essere relazionale. Senza relazioni resta un individuo. L’uomo senza relazioni non può migliorare il suo ben-essere. L’uomo, si realizza nell’Essere non nell’Avere.
Il Circuito causale di fianco ci spiega che l’uomo vuole realizzarsi in quanto Essere, e per Essere ha bisogno di Relazioni, le Relazioni generano Apprendimento e l’Apprendimento genera Cambiamento.

Quando diciamo che ogni comunità ha il sindaco che si merita non sbagliamo. Se la comunità è inerme anche il sindaco sarà inerme; una comunità di "tiepidi" (persone che non sono né calde né fredde) è una comunità che non ha bisogno di nulla, non sa cosa esigere dal sindaco. Ma se la gente ha voglia di partecipare alla vita sociale riesce a cambiare gli amministratori. La stessa cosa capita se i cittadini vogliono dagli amministratori solo la soddisfazione dei bisogni personali o se invece sono tanto maturi da chiedere il bene comune, cioè il bene della comunità.
Il bene comune è quel contesto che permette a ogni persona di realizzarsi come uomo e il pubblico amministratore ha l’obbligo di contribuire a generare bene comune per permettere alle persone di realizzarsi come esseri umani.
Il bene comune è un bene relazionale, intangibile. E’ un bene e non una merce, si realizza e si fruisce assieme. Il pubblico amministratore risponde a delle domande, ma deve capire se lo deve fare mirando al consenso a breve o ad una visione a lungo termine per il bene comune.
Per realizzare il bene comune chi governa deve mettere in atto azioni che permettano alla comunità di crescere e cambiare. Questo vuol dire che se la gente non ha voglia di partecipare deve essere l’amministrazione a dare gli strumenti e gli stimoli giusti. Quando un sindaco non fa questo commette un grave errore, molto più grave dei cittadini (dai quali ha ricevuto la delega e la responsabilità di guidare la comunità). 

Apprendere è un lavoro – un vero lavoro – difficile e faticoso. Per questo, sono pochi quelli che vi si dedicano realmente. 

Chi governa, chi ha il potere, deve apprendere. Ecco perché dobbiamo fare scuole per i rettori, perché fare il rettore è diverso dal fare il professore, o per i dirigenti comunali che devono possedere la capacità di delegare, di pianificare e di gestire un team. E perché no? Facciamo scuole per sindaci, perché non basta essere votati per essere un buon sindaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *